E adesso?! Come rimettersi in forma dopo le feste

Le feste sono finite: è ora di riprendere il ritmo, di rientrare al lavoro, di svegliarsi presto la mattina, e di riprendere le consuete attività quotidiane.

Eppure, per quanto amiamo il lavoro che svolgiamo, per quanto ci piacciano le attività che facciamo ogni giorno, qualcosa ci blocca, qualcosa ci impedisce di essere entusiasti di ricominciare, di rientrare nella vita quotidiana.

Perché? Come mai la maggior parte delle persone, non ha voglia di rientrare la lavoro? È qualcosa di mentale? Sicuramente può essere ma, come vedremo, non è solo questo, c’è qualcosa ancora più ‘primario’!

In molti hanno fatto vacanza, si sono riposati, hanno passato del tempo prezioso giocando con i figli, hanno dormito di più e si sono alzati più tardi la mattina.

Eppure il 7 gennaio la maggior parte delle persone fa fatica ad alzarsi, lamenta disturbi di ogni genere, dalla stanchezza, al mal di testa, al mal di pancia, ma anche febbre, diarrea, vomito e tanto altro.

Il più alto tasso di  malattia e assenza dal lavoro si registra proprio dopo le vacanze di Natale.

Perché? Cos’è cambiato dal 24 dicembre al 7 gennaio?

Semplice, è cambiato lo stile nutrizionale.

Che cosa succede alla nostra alimentazione durante il periodo festivo?

Proviamo a fare il nostro film di Natale, di come cambiano le nostre abitudini alimentari in questo periodo. 

Iniziamo dal 1° dicembre.

Dall’inizio del mese fino al 23 si viene invitati alle cene o ai pranzi di Natale. Gruppi di amici, parenti lontani, clienti, colleghi organizzano pranzi o cene che nulla hanno da invidiare ai veri e propri pranzi  del 25 dicembre.

Antipasti, primi, secondi, contorni, frutta, frutta secca, panettone o altri dolci della tradizione, vini, liquori, insomma non manca nulla. Non solo, finita la cena c’è il consueto scambio dei regali che in molti casi sono costituiti da generi alimentari: panettoni, cioccolati, torroni, biscotti, frutta candita, e dolciumi vari, che iniziano a riempire la nostra dispensa.

Al 23 dicembre abbiamo già mangiato quantità di cibo che potrebbero bastare per tutto l’anno.

La nostra casa è già piena di ogni ben di dio e continuiamo ad accumularne. Se poi ci sono dei bambini, si aggiungono cioccolati al latte, caramelle, bastoncini di zucchero, marshmallow e un elenco infinito di altri dolci che si accumulano nel “cesto” dei dolciumi.

Poi arriva la vigilia di Natale e si parte! A seconda della zona geografica si va dal pesce ai ravioli in brodo, senza lesinare su arrosti, salsicce e un infinità di dolci locali.

Il nostro film prosegue con il pranzo di Natale che inizia tipicamente alle 12.30 e termina, se tutto va bene alle 17.30. A quest’ora di solito si serve un tè con qualche dolce… e poi è già ora di cena! 

Il film non è finito, manca ancora molto ai titoli di coda.

Arriva il 26 dicembre, Santo Stefano e si ricomincia a mangiare.

Altri pranzi con i parenti, altre cene con amici e il menù è pressoché simile a quello natalizio.

Cosa succede nei giorni che seguono?

Prima di tutto si finiscono gli avanzi dei giorni precedenti, che di solito sono in quantità tali da soddisfare il fabbisogno familiare per una settimana. I panettoni, i torroni e i cioccolati accumulati che fine fanno? Vorrai mica buttarli? Il cibo giustamente non si spreca… E quindi a colazione una fetta di panettone, a merenda una fettina di panettone con il tè, dopo cena una fettina di panettone e così via. Insomma, stiamo sempre mangiando!

Quali sono le conseguenze di tutto questo?

Il nostro organismo, per come è strutturato non è adatto a mangiare così tanto in termini di quantità, di frequenza, di qualità del cibo. Soprattutto il nostro corpo non è fatto per mangiare così tanti zuccheri. Dopo un pasto a base principalmente di carboidrati (complessi o non complessi, a rapido assorbimento o lento assorbimento, non importa), il nostro corpo spende moltissima energia per metabolizzarli.

Se mangiamo la pasta, il pane, il panettone più volte al giorno, e magari anche la sera prima di dormire, non riusciamo più a fare nulla e l’unica attività richiesta dal corpo è poltrire sul divano o nel letto.

Quando mangiamo un eccesso di carboidrati il fegato ne trasforma una parte in glicogeno (una sorta di riserva energetica pronta all’uso), che viene depositato prevalentemente nel fegato e nei muscoli, e in parti minori anche in altri tessuti, tra cui cuore, reni e tessuto adiposo e il resto lo trasforma in acidi grassi, in famosi trigliceridi che vanno a costituire il tessuto adiposo.

Il problema qual è?

Il grasso accumulato non è semplicemente una riserva energetica. Il grasso in eccesso viene accumulato nel fegato, nei muscoli e tra i visceri e produce molecole infiammatorie circolanti che favoriscono e stimolano il processo infiammatorio, che se non risolto, può diventare cronico.

È evidente dunque che, se durante le feste, introduciamo troppi zuccheri e – al contempo – abbiamo già un processo infiammatorio in corso, non facciamo altro che amplificarne l’intensità.

I processi infiammatori cronici sono alla base di molte malattie oggi diventate epidemiche: la gastrite, la colite, l’asma, la cistite, le intolleranze, la celiachia, la dermatite, l’artrite reumatoide, il diabete fino ad arrivare a quelle più gravi come il tumore, le neurodegenarative (parkinson o l’alzheimer), ma anche deficit dell’attenzione, ADHD, difficoltà di apprendimento, depressione. Tutte queste condizioni possono derivare e/o essere sostenute da uno stato infiammatorio cronico non risolto e da una persistente attivazione del sistema immunitario.

I processi infiammatori debilitano l’organismo. Quando abbiamo un processo infiammatorio in corso il nostro sistema immunitario spende tutte le energie disponibili per risolvere il problema e – di contro – certamente non le usa per far funzionare bene il cervello o per fare attività sportiva.

Ecco perché la maggior parte delle persone arriva al 7 gennaio accusando stanchezza cronica, debolezza muscolare e apatia tipica di chi ha un processo infiammatorio in corso… perché è proprio in quelle condizioni!

Il corpo – giustamente – ha ragione: non ha nessuna voglia di alzarsi dal letto o dal divano per affrontare una giornata di lavoro, perché non ne ha le forze.

Ormai le feste sono finite, il panettone è stato mangiato, il torrone è finito e non possiamo fare altro che correre ai ripari.

Cosa fare dunque?

Presi dai buoni propositi del nuovo anno molti pensano di cambiare radicalmente stile di vita.

Da gennaio mi riscrivo in palestra!

Ah basta, da gennaio mi metto a dieta!

Da gennaio basta stress…

Tutto ciò sarebbe molto bello se avessimo un corpo e un cervello preparati per farlo. Il nostro corpo, infatti, si deve adattare al nuovo stile di vita. Per cambiare radicalmente modo di funzionare deve cambiare prima di tutto l’epigenetica

È impensabile cambiare stile di vita dopo le feste di natale. Il corpo è così provato e infiammato che sarebbe come chiedere a un bambino di 6 anni di risolvere l’equazione di Einstein sulla relatività.

E’ necessario riprendere il controllo del proprio corpo e del proprio cervello gradualmente.

Dal punto di vista alimentare si può iniziare riducendo gli zuccheri gradualmente (e via via sempre più) come il pane, la pasta, i dolci, i cracker, i biscotti, le fette biscottate, la frutta, la frutta secca ecc.

Può essere utile, di contro, aumentare il consumo di grassi animali di qualità (burro, uova, pesce azzurro, formaggi stagionati ecc.) e bilanciare l’apporto di proteine animali, che forniscono il corretto substrato energetico, riducono l’infiammazione e favoriscono la riparazione cellulare.

Inoltre, andrebbe aumentato il consumo di verdure (soprattutto a foglia verde) che contribuiscono significativamente al benessere del microbioma intestinale.

Dopo un certo periodo di uno stile alimentare favorevole all’organismo, le energie sono più disponibili e l’infiammazione inizia a ridursi. Diventa più facile invitare le persone ad introdurre l’attività fisica, meglio se aerobica, rendendo ancora più virtuoso questo meccanismo.

A cura di Sara Achilli e Fabio Sinibaldi – fondatori e direttori dei centri di ricerca e sviluppo Real Way of Life e di Association for Integrative Sciences (Italia – UK)

Vuoi saperne di più?

Scopri il corso online IL RUOLO CENTRALE DELL’ALIMENTAZIONE

Conoscere a gestire i rapporti tra alimentazione, comportamento, emozioni, disturbi psicosomatici

Questo corso, insieme a tanti altri corsi sui meccanismi psicosomatici, sulla regolazione di risposte di ansia e stress, sulla modulazione delle emozioni, sui traumi e le resistenze al cambiamento, fanno parte di Integrative Sciences HUB, il nostro centro formativo online, sempre a tua disposizione e in costante evoluzione, dove puoi trovare ogni mese nuovi CORSI, AGGIORNAMENTI, TECNICHE e STRUMENTI PRATICI, tutto incluso in un unico abbonamento annuale di soli 90€

 

 



Articoli simili?
Rimani aggiornato sulle prossime uscite e iniziative
Privacy garantita
NB: quando ricevi la prima mail salva il mittente tra i contatti! Se usi gmail controlla che il messaggio non finisca tra le promozioni, nel caso trascinalo nella cartella principale e conferma l'impostazione per i messaggi futuri.
DONE!
An email will be sent to you in a couple of minutes. So, check in your inbox!

If you don't see it, look in the spam folder
(or in the promotion tab if you use Gmail)
Confirm the message is not "spam" and drag it to the main inbox.

Remember to add us to your contact list,
like this you can stay sure to receive our future messages.
SHARE US!
Do you like this article?
Receive free update about this and similar topics!
Privacy guaranteed
When you receive the first email please save the sender into your contacts! If you use Gmail checks that our message doesn't end up among in the promotion tab, In this case drag it into the main tab and confirm the setting for future messages.
FATTO!
In pochi minuti riceverai una mail. Controlla la tua casella!

Se non la trovi, guarda nella posta indesiderata
o anche nel tab 'promozioni' se usi Gmail
e trascina il messaggio nella cartella principale.
In ogni casi aggiungi il nostro indirizzo alla rubrica,
così non perderai i prossimi messaggi ;)
CONDIVIDI SUI SOCIAL!
LEGGI SUBITO!
Uno strumento pratico e flessibile
CONSULTA ORA!
Un pdf di uso pratico e immediato
SCARICA SUBITO!
Una pratica mappa di lavoro
ISCRIVITI ORA!
Lascia nome, email e telefono, ti ricontatteremo a breve.
ENROL NOW!
Leave your name, email and phone below and we will be in touch soon.
ISCRIVITI ORA!
Lascia nome ed email, ti manderemo un promemoria prima del seminario
e, qualche giorno dopo, il link per vedere la registrazione.
GET IT NOW!
A practical and flexible tool
Motivating people to change is difficult
However, there are some communication methods designed to help us with these situations.
We have gathered 7 of the most useful communication PATTERNS in this FREE mini-guide
Motivating people to change is difficult
However, there are some communication methods designed to help us with these situations.
We have gathered 7 of the most useful communication PATTERNS in this FREE mini-guide
REGISTRATI ORA!
Guarda subito la registrazione
REGISTRATI ORA!
Guarda subito la registrazione
REGISTRATI ORA!
Guarda subito la registrazione
YES, SIGN ME UP!
REGISTRATI ORA!
Guarda subito la registrazione
YES, SIGN ME UP!
REGISTRATI ORA!
Segui la diretta o guarda la registrazione
YES, SIGN ME UP!
REGISTRATI ORA!
Segui la diretta o guarda la registrazione